Maker Summer Camp 2021

Maker Summer Camp 2021Coding Da VinciSee the invisiblemBot Solar SystemMaketronincsWearable with Halocode

Nell’ambito della “Summer School della Cultura Tecnica 2021“, promossa e finanziata da Città Metropolitana di Bologna, l’IIS Belluzzi Fioravanti ha proposto il “Maker Summer Camp“.
Un vero proprio “campo scuola tecnologico“, che coinvolgerà gli studenti di prima e seconda delle scuole secondarie di I grado, in una immersione totale nel mondo della tecnologia e della scienza. In ampi spazi indoor e outdoor, i partecipanti hanno realizzato progetti di qualità guidati da studenti delle classi del triennio secondo la modalità peer to peer. I progetti hanno spaziato dalla robotica all’astronomia, da Internet of Things agli esperimenti di scienze integrate, con la presenza di esperienze anche in lingua inglese.
Gli studenti coinvolti hanno creato dei prodotti laboratoriali, uno per ogni giornata di Summer Camp. Questi progetti realizzati dai ragazzi sono pubblicati su questo sito e saranno presentati al pubblico nell’evento di chiusura del 6-7 settembre organizzato nell’ambito del “Patto di comunità” con il Comune di Bologna.

Attraverso un kit composto da un microcontrollore micro:bit programmabile a blocchi e mattoncini di tipo lego si simulano le invenzioni di Leonardo, il primo Maker della storia. La presenza di motori nel kit e la programmazione consentono di dare movimento ai progetti che completati con componenti di cartone realizzano alcuni importanti progetti di Leonardo.

Vedere l’invisibile e prevedere il futuro sono le attività sperimentali, alla base del percorso di indagine scientifiche proposte in questa summer school. Perché questo corpo è diverso da quello? Di cosa sono fatti? Ciò che possiamo vedere con gli occhi e toccare con le mani, è fatto anche di cose che non si vedono ad occhio nudo, ma che si possono vedere usando un microscopio.

Uno degli aspetti fondamentali per comprendere il nostro sistema solare è essere in grado di visualizzare le posizioni e le orbite relative dei pianeti. La vastità del sistema solare rende difficile comprendere appieno dove esistono questi oggetti l’uno rispetto all’altro. Con l’utilizzo di alcuni robot programmabili Mbot si realizza un modello in scala del sistema solare facendo descrivere ad ogni robot l’orbita di un singolo pianeta rispettando le velocità.

Si tratta di un circuito oscillatore; con l’inserzione di alcuni componenti si realizza un lampeggiatore a frequenza variabile con un LED. Con l’inserzione di altri componenti il circuito permette di generare suoni a frequenza regolabile, ponendo in uscita un altoparlante. Con l’utilizzo di un oscilloscopio è visualizzabile la forma d’onda in uscita.

Halocode è un dispositivo indossabile dotato di sensori e comunicazione. Ciascun gruppo può scegliere un distinto percorso di sviluppo sfruttando i diversi sensori ed attuatori. Ad esempio si può realizzare un orologio, un contapassi, un riconoscitore di caduta, un fonometro e molto altro ancora.