Cos’è l’hackathon SMD18

Dopo il successo dell’Hackathon SMD18, realizzato in via sperimentale lo scorso anno, si ripete l’evento nell’ambito dello SMD19.
Il nome di questo tipo di attività sintetizza due aspetti che la caratterizzano: si tratta di una attività pratica (“HACK”) ed ha una lunga durata (“maraTHON”); nel caso specifico l’attività si svolgerà nella giornata di venerdì 11 maggio dalle 10:00 alle 16:00 presso l’Opificio Golinelli.
L’hackathon SMD19 è una gara di making tra team.
Si svolgeranno i parallelo tre gare dedicate rispettivamente alle scuole primarie, secondarie di primo grado e secondarie di secondo grado.

Come sono composti i team

In ognuna delle tre gare i team saranno composti da da studenti provenienti da scuole che hanno proposto la loro candidatura alla Call for Hackers. La composizione dei team sarà decisa dall’organizzazione all’inizio dell’evento sulla base delle informazioni sulle competenze degli studenti fornite dai referenti delle scuole.
Ogni scuola può partecipare con un massimo di 5 studenti.

Quali sono gli obiettivi

Gli obiettivi formativi dell’evento sono:

  • potenziare le capacità relazionali
  • sviluppare la creatività
  • mettere in gioco le competenze di base già acquisite

Quali sono le competenze di base

Per ogni tipo di scuola ci sono competenze di base diverse.
Nel caso della scuola primaria le competenze di base sono:

  • codifica visuale in ambiente Scratch o ambienti simili
  • esperienze di base con Scratch for Arduino o Makey-Makey o dispositivi simili

Nel caso della scuola secondaria di primo grado le competenze di base sono:

  • applicazioni di robotica educativa in ambiente MBlock o ambienti simili
  • app per smartphone in ambiente AppInventor

Nel caso della scuola secondaria di secondo grado le competenze di base sono:

  • programmazione di microcomputer con sensori, attuatori e connessione ad Internet (IoT)
  • sviluppo di applicazioni web per IoT

Queste competenze, se non sono già possedute completamente, possono essere formate con un percorso all’interno delle classi. Sul sito dello School Maker Day sono pubblicati dei tutorial per tracciare tale percorso e si può pensare anche ad altre forme di collaborazione quali ad esempio sessioni telematiche di approfondimento.
Il percorso formativo potrebbe essere attuato per interi gruppi classe; per la partecipazione all’hackathon dovrà essere selezionato, da parte della scuola, un gruppo che sarà accompagnato da un docente.
I criteri di selezione del gruppo dovrebbero privilegiare la parità di genere, la motivazione e le competenze acquisite.

Come ci partecipa all’evento

Partecipano all’evento le studentesse e gli studenti che sono stati indicati dalle scuole che hanno risposto alla Call for Hackers.

Come ci si prepara per l’evento

Per uniformare le competenze delle varie scuole sul sito dello School Maker Day saranno  pubblicati  alcuni tutorial che serviranno da esempio per le possibili attività di sviluppo durante l’hackathon.
E’ anche  disponibile un servizio di helpdesk attraverso una casella di posta elettronica.

Quando e dove

L’evento si svolgerà venerdì 3 maggio dalle 9.30 alle 17.00 presso l’Opificio Golinelli via Paolo Nanni Costa , 14 Bologna.
Dalle 9:30 alle 10:00 : accoglienza dei partecipanti e formazione dei team
Dalle 10:00 alle 16:00 : svolgimento dell’hackathon con pausa pranzo scaglionata per i vari team
Dalle 16:00 alle 16:30 : valutazione dei progetti da parte delle tre giurie
Dalle 16:30 alle 17:00 : premiazione dei vincitori

Come si svolge

Gli studenti, accompagnati da un docente si trovano all’Opificio Golinelli alle 9:30.
Il tutor dell’hackthon compone i team e alle 10 li porta nello spazio dedicato all’hackathon dove troveranno i mentor ad accoglierli. I docenti accompagnatori non possono accedere allo spazio dell’hackathon e durante lo svolgimento dell’hackathon potranno partecipare ai workshop che si svolgeranno in contemporanea in altri spazi dell’Opificio.
Ai team vengono consegnati i materiali e gli strumenti di sviluppo.
Il tutor fornirà alcune linee guida per lo sviluppo chiarendo qual’è l’obiettivo del progetto e quali saranno gli elementi chiave valutati (Originalità dell’idea, usabilità del progetto, effettiva realizzazione di almeno alcune parti fondamentali del prototipo).
I team saranno liberi di formulare una propria idea di applicazione sulla base del materiale effettivamente disponibile. Non è consentito l’utilizzo di hardware diverso da quello fornito dall’organizzazione mentre è possibile utilizzare anche ambienti di sviluppo diversi da quelli predisposti.
Durante lo sviluppo i team saranno assistiti dal tutor e da alcuni mentor che possono fornire suggerimenti di carattere generale agevolando lo sblocco situazioni difficili ma non possono sostituirsi ai team nello sviluppo.
Durante lo sviluppo sarà possibile per i team fare una pausa pranzo accedendo a turno al servizio interno di ristoro.
Al termine dello sviluppo (ore 16) i team presenteranno e faranno provare alla giuria i loro prototipi.
Alle 16.30, nella Gradinata della Scuola delle Idee, si svolgerà la premiazione del team vincente. Ogni studente del team vincente ritirerà un premio in rappresentanza della propria scuola.
A tutti gli studenti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Contatti

Per informazioni contattare:
makers@schoolmakerday.it
Servizio Marconi USR-ER: 051 3785216 (lun-mer-ven)